A suor Caterina (una splendida, e non solo esteticamente, Margherita Buy), per pura coincidenza viene affidato un bambino da poco abbandonato in un parco. Ad averlo trovato è stato, in realtà, un uomo agli arresti domiciliari che, appunto per questo, non può portarlo in ospedale.