Cinema Francese Archive

Il Primo Bacio (voto: 7,5/10)

Tre giovanissimi protagonisti per raccontare l'avventura del primo bacio e del primo amore: Hervè, quattordicenne sfigato, bruttino e che pensa solamente al sesso, il suo amico Camel (piu sfigato di lui) e Aurore, la ragazza più bella della classe, che inspiegabilmente si invaghisce di Hervè. Sullo sfondo inquietitudini, risate, sentimento ed un pizzico di nostalgia

La cena dei cretini (voto:8/10)

Un gruppo di amici, gente snob dell’alta borghesia francese, si riunisce una volta la settimana a cena: ciascuno deve invitare qualche cretino, persone strane di cui ci si burlerà per il resto del convito.

Piccole bugie tra amici (voto:7,5/10)

un gruppo di amici decide di andare in vacanza nonostante uno di loro giaccia in un letto di ospedale in fin di vita e contemporaneamente la storia di una generazione di quarantenni smarriti e spaventati dal futuro, che nascosti dietro segreti e bugie trascinano i propri giorni in un vuoto che prima o poi

Beautiful lies – De vrais mensonges (voto:6/10)

Emilie è una giovane parrucchiera che riceve da un anonimo ammiratore una lettera d'amore. L'autore della lettera in realtà è il timido Jean, dipendente del salone di bellezza di Emilie ed innamorato di lei.

Ti va di pagare? (voto:7/10)

Irenè, bellissima seduttrice di anziani uomini facoltosi vive nel lusso e nei divertimenti sfruttando il suo fascino. Una sera incontra per caso in un hotel il cameriere tuttofare Jean, e scambiatolo per un ricco uomo d'affari decide di passare la notte con lui.

Un amore di gioventù (voto:7/10)

Camille, 15 anni, si innamora perdutamente di Sullivan, 19 anni. L'intensità del sentimento di Camille diviene insostenibile per il ragazzo, che decide di partire per il SudAmerica alla ricerca di se stesso. E' l'inizio di un incubo per Camille, dal quale uscirà soltanto anni dopo grazie all'incontro con l'architetto Lorentz;

Emotivi anonimi (voto:5/10)

Ci risiamo. Ecco un altro regista francese che crede basti una protagonista stralunata e colori caldi per imitare la magia de "il favoloso mondo di Ameliè". O che sia sufficiente tirare in ballo il cioccolato per ricreare l'armonia di "chocolat".