Questa notte è ancora nostra (voto: 4/10)

 

questa notte è ancora nostra

SCHEDA TECNICA


REGIA: Paolo Genovese, Luca Miniero

GENERE: Commedia

PRODUZIONE: Italia

ANNO: 2008

DURATA: 98 min.

CONSIGLIATO A: Tutti i fan acritici dell’attore (?) Nicolas Vaporidis.

INTERPRETI: Nicolas Vaporidis, Valentina Izumi Cocco, Massimiliano Bruno, Ilaria Spada, Maurizio Mattioli, Franco Califano, Paola Tiziana Cruciani, Hal Yamanouchi, Taiyo Yamanouchi.

TRAMA – RECENSIONE


Massimo, 25 anni, lavora nella ditta di pompe funebri del padre insieme all’amico Andrea, ma il suo sogno è sfondare con la sua band musicale. L’occasione gli si presenta quando entra in contatto con il manager discografico Cicchillitti (Franco Califano), che consiglia alla band di trovare una ragazza cinese di bell’aspetto e che sappia cantare per lanciare il loro brano più bello, “occhi da orientale”.

Dopo svariati provini andati a vuoto, Massimo ed Andrea si imbattono per caso in Jing, alla quale propongono di entrare nella band. Jing rifiuta categoricamente l’invito ed ecco che Andrea ha un’idea geniale: Massimo userà il suo fascino per sedurre la bella orientale ed indurla a cantare insieme a loro.
Nel frattempo anche Jing ha i suoi problemi: per saldare un debito i genitori l’hanno promessa in sposa al nipote di un ricco uomo d’affari…

Non ci vuole un mago per capire non solo come andrà a finire il film, ma addirittura indovinare le scene una per una. Genovese e Miniero infatti non si sforzano minimamente di dare un tocco di originalità ad una commedia insulsa ed irritante interpretata da attori insulsi ed irritanti a loro volta.

Vaporidis recita come se non avesse mai visto una telecamera in vita sua, su Ilaria Spada stendiamo un velo Pietoso. Massimiliano Bruno è ridicolo ed il povero Maurizio Mattioli costretto nel ruolo di macchietta fa quel che può (con scarsi risultati). La sceneggiatura oltre ad essere banale e senza idee è piena di luoghi comuni ed assurdità che rendono il film poco credibile.

Ma dico io, è normale che il padre e la madre di Jing quando sono da soli a casa parlino in italiano? E non avete trovato nulla di meglio che il matrimonio combinato cinese per portare avanti la storia? Chi ve le scrive le sceneggiature? (incuriosito dalla mia stessa domanda vado su wikipedia e tra gli sceneggiatori oltre agli stessi registi leggo il nome di Fausto Brizzi; ecco spiegato tutto!).

Consigliato ad autolesionisti ed a chi sta scrivendo una tesi su quanto in basso sia scivolata la commedia italiana.

Trailer:

VOTA IL FILM!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars6 Stars7 Stars8 Stars9 Stars10 Stars (3 voti, media: 2,67 su 10)

Loading...

Acquista il film su amazon.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: