una riflessione amara e malinconica sullo squallore della vita degli ultimi, degli sfigati, dei bruchi che non diventeranno mai farfalle per i quali non ci sono sogni, opportunità, nè Dio e nemmeno l'amore.