Blue Valentine (voto:7,5/10)

blue valentine

SCHEDA TECNICA


REGIA: Derek Cianfrance

GENERE: Drammatico

PRODUZIONE: U.S.A.

ANNO: 2010

DURATA: 112 min.

CONSIGLIATO A: Appassionati di cinema indipendente che parla d’amore.

INTERPRETI: Michelle Williams, Ryan Gosling, Mike Vogel, John Doman, Ben Shenkman, Reila Aphrodite, Maryann Plunkett, Faith Wladyka, Dan Van Wert, Samii Ryan, Michelle Nagy, Ashley Gurnari, Carey Westbrook.

TRAMA – RECENSIONE


Dean e Cindy sono una coppia di sposi trentenni cui la vita ha scaricato addosso una buona dose di problemi e responsabilità. Si sono amati profondamente in passato, ma il tempo ha logorato i loro sentimenti e prosciugato la loro vitalità. Mentre compiono un ultimo disperato tentativo di salvare il loro rapporto trascorrendo una notte insieme nella “camera del futuro” di uno squallido motel, riviviviamo il loro primo incontro nella casa di riposo della nonna di lei ed i momenti magici che seguirono, colorati dall’entusiasmo della giovinezza e dalla freschezza delle emozioni che porta con sè.

Non so, penso che gli uomini siano più romantici rispetto alle donne: quando ci sposiamo, lo facciamo con quella giusta; resistiamo per tutto il cammino, perché, quando conosciamo quella giusta, pensiamo che saremmo degli idioti, se non la sposassimo, è così meravigliosa! Invece, sembra che le ragazze debbano scegliere l’opzione migliore: conosco ragazze che si sposano un ragazzo solo perché ha un buon lavoro. Sprecano tutta la vita alla ricerca del principe azzurro, ma finiscono per sposare chi ha un buon lavoro e se ne resterà lì!’ (DEAN)

Questa frase racchiude alla perfezione le personalità dei due protagonisti, meravigliosamente interpretati da Ryan Gosling e Michelle Williams: romantico immaturo lui, innamorato della moglie e della figlioletta Frankie e senza nessun’altra ambizione che poter stare con loro per sempre, cinica e sfiorita lei, fiaccata nel corpo e nello spirito dai doveri del suo ruolo di moglie e madre ma profondamente convinta di meritare un futuro migliore. Li unisce ancora un passato che sembra ormai lontanissimo (nonostante siano sposati solo da dieci anni), ma per quanto? Le crepe si allargano sempre più nella loro relazione nonostante essi, ognuno a suo modo, provino inutilmente a ignorarle.

Dean fa finta di nulla, lascia scorrere i giorni in una falsa normalità sperando che le nuvole oscure si diradino spontaneamente, Cindy, nascosta dietro la routine quotidiana cova un rancore verso il marito che cresce ogni giorno di più. Il matrimonio è finito: siamo ben consci, fin dalla prima scena nella quale il cane di famiglia scompare, che anche i due innamorati si perderanno per strada, è tutto chiaro dal primo sguardo tra Cindy e Dean, ed il film potrebbe terminare alcuni secondi dopo il suo inizio. Ciò che segue è l’analisi e la rappresentazione della fine di un amore, la risposta di Derek Cianfrance alle domande che aleggiano sulla pellicola per tutta la sua durata: si può essere innamorati per sempre? Fino a che punto ha senso rimanere insieme dopo che l’amore è finito? Una risposta che dura 112 minuti ed ha il cinismo e la forza distruttrice della verità. L’illusione alla quale i due  personaggi  (e noi con loro) avevano affidato le loro speranze svanisce come neve al sole e lascia solo l’amarezza che si prova quando un sogno si infrange.

Trailer:

VOTA IL FILM!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars6 Stars7 Stars8 Stars9 Stars10 Stars (1 voti, media: 8,00 su 10)

Loading...

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: