Bittersweet life (voto:7,5/10)

bittersweet life

SCHEDA TECNICA


REGIA: Kim Ji-Woon

GENERE: Drammatico

PRODUZIONE: Corea del Sud

ANNO: 2005

DURATA: 118 min.

CONSIGLIATO A: Chi pensa che i registi coreani siano dei geni. Lo sono.

INTERPRETI: Lee Byung-Heon, Sin Min-ah, Kim Young-cheol, Hwang Jeong-min, Yu-mi Jeong, Ku Jin, Hae-gon Kim, Roe-ha Kim, Kim Young-Chul, Byung-hun Lee, Gi-yeong Lee, Mu-yeong Lee.

TRAMA – RECENSIONE


Violenza d’autore e sentimento nel sorprendente film di Kim Jee-Woon, presentato fuori concorso al 58esimo festival di Cannes.

Kang, boss locale, affida al solitario e spietato Sunwoo, manager di un hotel e suo braccio destro, il compito di sorvegliare la propria amante.
Sunwoo si innamora della ragazza e nonostante la scopra con un altro uomo non dice nulla a Kang che scoperta la menzogna, dà l’ordine di torturarlo ed ucciderlo; ridotto ormai in fin di vita l’uomo riesce però spinto dalla disperazione a scappare ed inizia la sua tremenda vendetta personale che lo condurrà alla fine, faccia a faccia con colui che per tanto tempo egli ha considerato come un padre.

Da un plot per nulla originale, quasi banale direi, un ottimo film, fotografato splendidamente, intriso di violenza mostrata esplicitamente ma nonostante la sua crudezza mai gratuita, con un personaggio non stereotipato e complesso.
Trascinato di peso nella storia lo spettatore non può che innamorarsi insieme a Sunwoo, soffrire con lui, e sentire il fuoco della vendetta ardere dentro fino al tragico epilogo.

Raffinato nella messa in scena, elegante, con degli accostamenti musicali azzeccati, “Bittersweet life” si muove in perfetto equilibrio tra noir, thriller e melodramma e regala due lunghe ore di intrattenimento rosso sangue, comprese tra un incipit ed un finale di filosofia orientale spicciola che aprono e chiudono il cerchio nel quale il regista ci ha intrappolati.

Ho letto un po’ di recensioni dell’opera di Kim Ji-woon sulla rete, a molti non è piaciuto. La critica si è divisa tra chi lo considera una vera sorpresa e chi lo declassa a filmetto di serie B.
La mia opinione è: un altro piccolo gioiello coreano.

Una notte d’autunno il discepolo si svegliò piangendo. Il maestro vedendolo gli domandò “hai avuto un incubo?”
“No.”
“hai fatto un sogno triste?”
“No maestro” rispose il discepolo. “ho fatto un sogno bellissimo”
“E allora perchè stai piangendo?”
E il discepolo asciugandosi le lacrime disse: “perchè sò che il sogno che ho fatto… non potrà avverarsi… mai…”

Trailer:

VOTA IL FILM!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars6 Stars7 Stars8 Stars9 Stars10 Stars (1 voti, media: 8,00 su 10)

Loading...

Acquista il film su amazon.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: