21 (voto: 6/10)

21

SCHEDA TECNICA


REGIA: Robert Luketic

GENERE: Drammatico

PRODUZIONE: USA

ANNO: 2008

DURATA: 125 min.

CONSIGLIATO A: chi ha voglia di trascorrere una serata leggera e senza impegno.

INTERPRETI: Jim Sturgess, Kevin Spacey, Kate Bosworth, Aaron Yoo, Liza Lapira, Jacob Pitts, Jack McGee, Laurence Fishburne, Josh Gad, Sam Golzari, Helen Carey, Jack Gilpin.

TRAMA – RECENSIONE


Non è illegale, è solo non visto di buon occhio.

21 è l’adattamento del libro di Ben Mezrich Bringing Down the House e racconta la vera storia di cinque studenti del MIT che hanno elaborato un complesso metodo per contare le carte e vincere alla grande nei casinò di Las Vegas.
Il film segue le vicende dello studente senior del MIT Ben Campbell, interpretato da Jim Sturgess. Campbell è stato accettato alla Harvard Medical School, ma non ha modo di pagare i 300.000 dollari richiesti per l’iscrizione. Nel momento in cui gli si presenta l’occasione di una borsa di studio capace di sostenere interamente i costi della scuola, per stupire il direttore e distinguersi tra gli altri candidati Campbell inizia a raccontargli la sua storia.

Quando era uno studente junior del MIT, dopo aver risolto con successo il dilemma di Monty Hall durante una lezione, Campbell viene invitato dal professor Micky Rosa (interpretato da Kevin Spacey) a partecipare ad una serata di blackjack che egli era solito organizzare di tanto in tanto con quattro altri studenti. Questi in realtà erano istruiti da Rosa su delle tecniche per contare le carte in maniera efficace e sbancare i casinò. Alla proposta di far parte del team, Campbell all’inizio è esitante, ma alla fine accetta, con la clausola che avrebbe potuto lasciare il gruppo non appena avesse guadagnato abbastanza per la medical school.

Lavorando insieme, il gruppo sviluppa un sistema di segnali che riescono a scambiarsi di nascosto l’un l’altro, e che gli permettono di vincere centinaia di migliaia di dollari da vari casinò nei dintorni di Las Vegas.
Nel frattempo, scocca la scintilla tra Campbell e Jill, interpretata da Kate Bosworth, e ne nasce una relazione romantica. Ma mentre la loro relazione cresce, iniziano ad aprirsi delle crepe all’interno del gruppo: gelosie e problemi di fiducia tra i membri del team – e tra Campbell e Rosa – iniziano a minare la loro efficacia nei casinò. Decidono allora di mettere temporaneamente da parte le loro differenze e di tentare un ultimo colpo insieme a Las Vegas, prima di sciogliere il gruppo e dividersi i guadagni. La posta in gioco non è mai stata così alta. Possono contare le carte, ma saranno capaci di contare l’uno sull’altro?

Il film fa leva sulla fantasia che ognuno di noi ha di fare molti soldi in maniera rapida. Accoppiando questo tema con il brivido del rischio – essere scoperti – e l’eccitazione della sfavillante Las Vegas, 21 garantisce sia una buona dose di suspance, sia la leggerezza ed il divertimento tipiche di un film d’azione. Purtroppo, le critiche che ha ricevuto la pellicola, superano abbondantemente i suoi punti di forza: Alcuni spettatori hanno osservato che il film non rispecchia il libro dal quale è stato tratto in maniera accurata. Altri sono rimasti irritati a causa del fatto che entrambi gli adattamenti differiscono dalla storia vera. Ma ciò che ha “frustrato” veramente un pò tutti, sono le palesi inesattezze sul gioco, che attraversano tutta la pellicola.
Durante una particolare scena ad esempio, a Campbell viene detto che fare lo split degli 8 è “il gioco dei babbei” quando in realtà, dovrebbe essere la mossa corretta in quella situazione.

Online casinò GiocoDigitale spiega lo “splitting” or “divides” come quando “il giocatore riceve due carte uguali come carte iniziali (ad esempio, due 5, due Jack, e così via), ed è possibile scegliere di dividere le carte ed usarle in due giocate separate. L’opzione di divisione inserisce automaticamente una puntata aggiuntiva uguale all’originale. Ogni mano viene giocata indipendentemente ed il giocatore può prendere tutte le carte che vuole (a meno che non si tratti di due assi, nel qual caso si può ricevere solo una carta in più per mano)”.

Il film inoltre gonfia enormemente la capacità degli studenti di battere il banco contando, in quanto contare le carte dà, realisticamente, solo un leggero vantaggio al giocatore, o più precisamente sposta il giocatore ad un livello più equo rispetto al dealer.
In parole più semplici, mentre conoscere quale carta verrà dopo può aiutare a decidere se fare hit o meno, non può però annullare l’abilità del dealer di raggiungere un totale che è più vicino a 21 del nostro – una cosa che il film ignora, esagerando invece le vincite totali della squadra.

Nel complesso, la trama di 21 si può definire interessante, ed i commenti spiritosi disseminati per tutta la pellicola vanno bene se si è alla ricerca di qualche risata occasionale. Se invece l’approccio è quello da giocatori accaniti di blackjack, questo non è il film adatto: occorre spegnere il cervello e sforzarsi di ignorare le inesattezze del gioco e della storia. Se si è capaci di fare ciò ed a guardare il film come se fosse puro intrattenimento e nulla più, di sicuro non si rimarrà delusi.

Trailer:

VOTA IL FILM!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars6 Stars7 Stars8 Stars9 Stars10 Stars (Ancora Nessun Voto)

Loading...

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: